Il sito ufficiale di TELT è cambiato: da agosto 2022 telt-sas.com passa a telt.eu. Se riscontri problemi o hai bisogno di supporto scrivici. Ci scusiamo per possibili disguidi.

Il cantiere unico

230629_LaPraz_Descenderie©Caroline-MOUREAUX_scaled_C2940_HD
230629_LaPraz_Descenderie©Caroline-MOUREAUX_scaled_C2940_HD

La costruzione dell’opera è ripartita in 12 cantieri operativi tra Italia e Francia

Lavori in sotterraneo

Per realizzare i 57,5 km del tunnel di base del Moncenisio di scava nelle Alpi tra Francia e Italia da diversi punti di accesso garantiti dalle discenderie realizzate precedentemente. I lavori in sotterraneo utilizzano il metodo meccanizzato, cioè delle grandi frese (TBM), o il cosiddetto metodo tradizionale, cioè esplosivo o martellone pneumatico, nei punti geologicamente più delicati.

I lavori all’aperto

Oltre al tunnel di base, TELT deve realizzare anche la connessione con le nuove stazioni internazionali a Susa e Saint-Jean-de-Maurienne, e l’interconnessione con la linea esistente. Per questo sono previsti una serie di cantieri all’aperto in Val di Susa e in Val Maurienne.

La valorizzazione dei materiali di scavo

Una parte dei materiali estratti durante i lavori è destinata a dei siti di valorizzazione dove viene trasformata per essere riutilizzata nei manufatti della galleria, come conci e rilevati ferroviari. La quota di roccia, che per le sue caratteristiche meccaniche e chimiche non può essere riciclata nei lavori, viene utilizzata per riambientalizzazioni e rinaturalizzazioni di siti individuati sul territorio.