Il sito ufficiale di TELT è cambiato: da agosto 2022 telt-sas.com passa a telt.eu. Se riscontri problemi o hai bisogno di supporto scrivici. Ci scusiamo per possibili disguidi.

chiomonte compnesazioni CIPE
chiomonte compnesazioni CIPE

Compensazioni: 10 milioni a Chiomonte e a Susa

Dal Governo l’impegno a stanziare tra i 102 e i 112,5 milioni per il territorio

È stato approvato dal CIPE il 25 novembre lo stanziamento di 10 milioni di Euro per le opere compensative della Torino-Lione. Chiomonte e Susa sono i primi due comuni destinatari. Nella prima località l’amministrazione ha deciso di impiegare parte dei 4 milioni assegnati per realizzare la nuova rete del metano, fondamentale per mettere a norma un gran numero di abitazioni che potranno accogliere i lavoratori del cantiere. A Chiomonte verrà realizzato anche un paravalanghe e una nuova cabina prefabbricata di ricezione rete nella località Verger. Susa invece utilizzerà i 6 milioni di Euro delle compensazioni per rifare il Teatro civico, l’unica sala risorgimentale esistente in Val Susa, abbandonata al degrado da quasi trent’anni. La cittadina inoltre ha deciso di finanziare anche la progettazione di un nuovo ponte sulla statale 25 e i primi interventi di messa in sicurezza idrogeologica dell’area, oltre alla costruzione di un percorso pedonale lungo la provinciale di Mompantero e il miglioramento dell’accesso al ponte degli Alpini. Con i fondi delle compensazioni verrà anche rimesso a nuovo l’Itis.

Investire in opere durevoli

Il punto sulle risorse è stato fatto nella II Commissione del Consiglio regionale del Piemonte alla vigilia dell’approvazione della delibera da parte del CIPE. A Palazzo Lascaris, con i sindaci di Chiomonte e di Susa, era presente il Commissario di Governo per la Torino – Lione, Paolo Foietta, che ha ricordato che «i primi provvedimenti del Cipe per le opere compensative della Torino-Lione risalgono al 2012-2013» e che il ministro Graziano Delrio «ha proposto un aumento dagli iniziali 42,5 milioni a 102-112,5 milioni». Risorse che sempre su indicazione del ministro, «non dovranno essere rotonde o arredo urbano, ma opere durevoli nell’ambito di un piano strategico più complesso».