Il sito ufficiale di TELT è cambiato: da agosto 2022 telt-sas.com passa a telt.eu. Se riscontri problemi o hai bisogno di supporto scrivici. Ci scusiamo per possibili disguidi.

tavolo CHAV
tavolo CHAV

La mobilità delle valli all’apertura del tunnel di base

Dal mese di febbraio 2024, sono stati avviati i workshop con gli stakeholder di Valle di Susa,  Maurienne e Grand Briançonnais, per progettare la mobilità multimodale che potrà essere attivata sui territori dopo l’apertura del tunnel di base della Torino-Lione. L’attività è guidata da TELT e  Conferenza delle Alte Valli Alpine (CHAV), con il supporto tecnico del raggruppamento binazionale Setec (mandataria), Pwc Italia e Inddigo.

Lo scopo di questo studio partecipato è elaborare un piano della mobilità a medio e lungo termine coinvolgendo i territori e i diversi soggetti che operano nel campo della mobilità locale, privilegiando in primo luogo gli spostamenti quotidiani rispetto a quelli dedicati al turismo e intervenendo sull’isolamento tipico di queste regioni interne. Gli scenari elaborati prenderanno in considerazione, quindi, sia i margini di miglioramento della situazione “senza” la nuova linea Torino-Lione sia le potenzialità di sviluppo con l’alta velocità in esercizio, senza dimenticare che la rivitalizzazione della Linea Storica sull’asse Italia-Francia che sarà anch’essa gestita da TELT, potrà favorire lo sviluppo socio-economico turistico e culturale dell’area.

La messa in servizio delle prime tratte della nuova linea ferroviaria Torino-Lione infatti, comporterà profondi cambiamenti nella mobilità italo-francese ed europea, ma anche sull’arco alpino: la riduzione dei tempi di percorrenza con le principali metropoli europee, nazionali e i centri regionali, la creazione di due nuove stazioni internazionali a Saint-Jean-de-Maurienne e a Susa e la liberazione di capacità sulla linea storica, sono suscettibili di consentire la riorganizzazione dei servizi di trasporto del comprensorio Valle di Susa/Maurienne/Grand Briançonnais e di offrire nuove opportunità, sia negli scambi interni sia con i territori esterni.

I principali obiettivi del lavoro sono quindi:

  • formulare una nuova offerta di servizi integrati in ottica multimodale, funzionali alla mobilità quotidiana per i residenti delle valli;
  • soddisfare le esigenze di spostament