Il sito ufficiale di TELT è cambiato: da agosto 2022 telt-sas.com passa a telt.eu. Se riscontri problemi o hai bisogno di supporto scrivici. Ci scusiamo per possibili disguidi.

Matex_Avrieux_drone
Matex_Avrieux_drone

CO 11: affidato il contratto per 800 milioni

Oggi il Consiglio di Amministrazione di TELT ha assegnato al raggruppamento composto da EUROVIA Alpes (mandataria), Carrières du Bassin Rhônalpin / SATM / Granulats VICAT / SPIE BATIGNOLLES VALERIAN / SPIE BATIGNOLLES MALET / VINCI Construction Terrassements (oggi Terélian) / GIE GMM 73 l’appalto per il recupero dei materiali di scavo sul versante francese del tunnel di base del Moncenisio (denominato Lotto 11).

Il contratto, del valore di 799,7 milioni di euro, riguarda l’industrializzazione del sistema che ha l’obiettivo di gestire 30 milioni di tonnellate estratte in Francia, in un’ottica di sviluppo sostenibile e di economia circolare. Oltre il 50% di questi materiali infatti saranno reimpiegati negli stessi cantieri della sezione internazionale della Torino-Lione.

Questo appalto rientra nella strategia di TELT per il massimo riutilizzo dei materiali estratti, grazie al recente accordo sottoscritto dalla CIG diventa possibile riutilizzare i materiali di scavo oltre i confini nazionali: nel “cantiere unico” binazionale della Torino-Lione potrà essere raggiunto il 60% di riutilizzo delle rocce estratte.

Il riutilizzo dei materiali

A seconda delle loro caratteristiche, i materiali hanno diversi usi e destinazioni.

In particolare, una parte sarà trattata in due siti di valorizzazione (uno nei pressi di Saint-Jean-de-Maurienne e l’altro di Modane) dove queste rocce saranno lavorate per realizzare il calcestruzzo da reimpiegare nei cantieri del tunnel di base. Un’altra parte sarà utilizzata nel cantiere per la costruzione dei nuovi binari nel bacino di Saint-Jean-de-Maurienne, dove saranno realizzati i rilevati ferroviari.

Infine, i materiali che non possono essere riutilizzati nella sezione internazionale della nuova linea, saranno comunque valorizzati e indirizzati verso siti di deposito autorizzati o ex cave da ripristinare.