Il sito ufficiale di TELT è cambiato: da agosto 2022 telt-sas.com passa a telt.eu. Se riscontri problemi o hai bisogno di supporto scrivici. Ci scusiamo per possibili disguidi.

jacques gounon - transalpine
jacques gounon - transalpine

Gounon, dalla Torino-Lione benefici paragonabili al tunnel sotto la Manica

La Torino-Lione e l’EuroTunnel

Il nuovo collegamento ferroviario tra Torino e Lione rappresenterà «una leva importante per tutta l’economia del sud Europa, con un impatto simile a quello prodotto dal tunnel sotto la Manica». Parola di Jacques Gounon, neopresidente di Transalpine e amministratore delegato di EuroTunnel, che il 12 dicembre ha incontrato i giornalisti a Lione.
Secondo Gounon, infatti, l’aspetto che rende la Torino-Lione particolarmente strategica è che questa costituisce l’anello di congiunzione tra l’est e l’ovest del Continente: «il corridoio Mediterraneo riunisce alcune delle aree di maggior peso dal punto di vista industriale – ha osservato – come la penisola iberica, la regione Auvergne-Rodano-Alpi, il Nord Italia e l’Europa centrale».
Le prospettive sui flussi «giustificano l’opera – ha aggiunto – che a un obiettivo economico ne associa uno ambientale. L’investimento verso le generazioni future deve contribuire a ridurre l’inquinamento che oggi pesa sulle nostre città e al tempo stesso facilitare la crescita, di cui non possiamo fare a meno».

L’AFA

Entrando in aspetti più tecnici, il presidente di Transalpine ha spiegato che l’AFA – Autostrada ferroviaria alpina deve essere sviluppata sulla “giusta distanza”: la tratta Calais – Orbassano è troppo lunga, mentre una