Il sito ufficiale di TELT è cambiato: da agosto 2022 telt-sas.com passa a telt.eu. Se riscontri problemi o hai bisogno di supporto scrivici. Ci scusiamo per possibili disguidi.

Tre verità sulla Torino Lione
Tre verità sulla Torino Lione

Tre verità sulla Torino Lione

vero-falso_1

Il costo

Il costo della tratta transfrontaliera (tra cui un tunnel di 57 km alla base del massiccio alpino), è di 8,6 miliardi di euro (in euro costanti 2012). L’opera è l’unica ad avere il costo certificato da un ente terzo. Il costo è paragonabile al tunnel del Gottardo in Svizzera (una lunghezza simile), finanziato interamente dalla Svizzera, o a quello del Brennero, attualmente in corso di realizzazione, tra l’Austria e l’Italia. E’ importante distinguere tra il collegamento ferroviario tra Torino e Lione (circa 260 km) e la sezione transfrontaliera (65 km), che ne costituisce una parte, anche se si tratta di una grande infrastruttura. Il costo della nuova linea Torino-Lione, stimato tenendo conto della realizzazione degli accessi italiano e francese, ad integrazione della sezione transfrontaliera, è di circa 24 miliardi di euro. Ma la costruzione di tali accessi, in entrambi i Paesi, secondo l’accordo intergovernativo del gennaio 2012, sarà graduale, realizzato per fasi in funzione dello sviluppo del traffico. Il costo complessivo comprende altri progetti come la circonvallazione dell’agglomerato urbano di Lione, essenziale anche senza la Torino-Lione.
 
vero-falso_2

L’impatto sull’ambiente

Il nuovo collegamento Torino-Lione si inserisce nel contesto della Convenzione delle Alpi, firmata da otto paesi dell’Arco Alpino, che si sono impegnati a non creare nuove infrastrutture stradali alpine, per ridurre, in particolare, gli effetti nocivi dei gas serra. La Torino-Lione è soprattutto un progetto per il trasporto ferroviario delle merci (che rappresentano circa l’80% del traffico del nuovo collegamento) e contribuirà a rendere più sicuri i valichi stradali transalpini. Il trasferimento dalla strada alla ferrovia di gran parte dei mezzi pesanti, che attraversano le Alpi, è uno dei principali obiettivi della nuova infrastruttura. L’Analisi Costi Benefici (ACB) condotta sul progetto stima che la costruzione della nuova linea porterà ad una riduzione annuale di emissioni di gas serra pari a ≈3 Mi