Il sito ufficiale di TELT è cambiato: da agosto 2022 telt-sas.com passa a telt.eu. Se riscontri problemi o hai bisogno di supporto scrivici. Ci scusiamo per possibili disguidi.

infografica ARPA
infografica ARPA

Rapporto Arpa 2015

Niente amianto a nessun valore ambientale fuori dai limiti previsti dalla legge al cantiere del cunicolo esplorativo della Torino-Lione a Chiomonte, in Val di Susa. È quanto riporta il rapporto dell’Agenzia regionale per la protezione ambientale (Arpa) del Piemonte. L’Arpa anche nel corso del 2015, così come disposto dal Cipe, ha infatti monitorato il cantiere non solo per quanto riguarda l’eventuale amianto che la fresa potrebbe incontrare nelle rocce procedendo nello scavo del tunnel geognostico, ma anche per l’impatto su acqua, aria e tutti gli aspetti ambientali che possono coinvolgere il territorio.
In particolare per quanto riguarda il capitolo amianto, sono stati svolti 14 sopralluoghi e tredici giornate di campionamento di materiale prelevato in diversi punti del cantiere: dall’ingresso del cunicolo, nella ghiaia depositata nella zona del transito merci, vicino al parco archeologico, nelle rocce e anche nelle acque reflue in uscita dal depuratore di Telt. “In  conclusione – si legge nel rapporto Arpa – sulla base dei dati disponibili, non sono stati rinvenuti minerali riconducibili a pietre verdi all’interno  del cunicolo”. Nessuna anomalia ambientale anche per quanto riguarda le risorse idriche, l’aria, il rumore e le vibrazioni. In particolare nel corso dell’anno appena trascorso sono state eseguite verifiche settimanali dei dati relativi  alle concentrazioni di Pm10 nell’aria, valutando la coerenza dei dati con quanto previsto nel Piano di Monitoraggio Ambientale (PMA). A questo si sono aggiunte due campagne in parallelo con il Laboratorio Mobile presso il sito di Chiomonte – Scuola, una nel periodo primaverile e l’altra in quello autunnale, in cui per 20 giorni sono stati monitorati vari parametri nell’aria. Non solo. È stato anche fatto un confronto tra il laboratorio Arpa e quello che effettua le pesate dei filtri Pm10 per conto di Telt. Tali verifiche sono state predisposte anche per approfondire l’eventuale causa delle differenze osservate per il parametro polveri Pm10 durante le campagne in parallelo: infatti, pur non evidenziando particolari criticità, i valori di Telt sono risultati nel sito di confronto generalmente più elevati rispetto alle rilevazioni di Arpa, soprattutto negli anni precedenti, con una discrepanz