Il sito ufficiale di TELT è cambiato: da agosto 2022 telt-sas.com passa a telt.eu. Se riscontri problemi o hai bisogno di supporto scrivici. Ci scusiamo per possibili disguidi.

Beijing - Orient
Beijing - Orient

Missione Oriente

Dal 29 marzo al 5 aprile, TELT è stata invitata da tre grandi associazioni datoriali in estremo Oriente per presentare la Torino-Lione: sono stati organizzati incontri professionali a Pechino, Seul e Tokyo.
A formare la delegazione, ricevuta dalle ambasciate italiane e francesi nei tre Paesi, il Presidente della Commissione Contratti Jean-François Corté, il Direttore aggiunto Italia Maurizio Bufalini, il Direttore Amministrazione e Finanza Alessandro Jannetti, la Coordinatrice della Segreteria Generale Manuela Rocca e Giulia Avataneo del settore Comunicazione Esterna.
JFC - Orient

Pechino

In Cina l’invito è arrivato dalla China Highway Construction Association (CHCA), che rappresenta quattro grandi società di lavori pubblici e ha radunato per l’occasione 80 tra i maggiori gruppi di costruzioni e specializzati nel montaggio di Tunnel boring machine. Per conto dello Stato cinese era presente Zhang Huiyu, coordinatrice internazionale del Ministero dei Trasporti.

Seul

La seconda tappa è stata organizzata dalla ICAK, International Contractors Association of Korea, che ha riunito 50 imprese di costruzione del Paese tra cui i principali player coreani, come Daewoo e Hyundai.
A Seul TELT è stata invitata anche ad uno scambio di esperienze con la Korea Rail Network Autority (KRNA), che si occupa della programmazione, della progettazione e della realizzazione delle infrastrutture ferroviarie sud – coreane per conto dello Stato.

Tokyo

Infine il Giappone: la tappa conclusiva ha avuto luogo di fronte agli ingegneri civili della Japan Society of Civil Engineers (JSCE) di Tokyo.
In tutti i Paesi toccati, la Torino-Lione ha suscitato vivo interesse e molte domande da parte degli imprenditori, in particolare sugli aspetti contrattuali e sulla possibilità di partecipazione da parte di società straniere alle gare europee.
I partecipanti, oltre 200 ai tre workshop, hanno inoltre espresso l’intenzione di associarsi con aziende francesi e italiane per poter competere all’aggiudicazione dei lavori, in particolare per le gare legate a