Il sito ufficiale di TELT è cambiato: da agosto 2022 telt-sas.com passa a telt.eu. Se riscontri problemi o hai bisogno di supporto scrivici. Ci scusiamo per possibili disguidi.

unione industriale
unione industriale

TELT presenta il calendario lavori alle imprese

Primo incontro all’Unione industriale di Torino, il 25 luglio, per illustrare alle imprese del territorio e alle associazioni di categoria lo sviluppo e le tempistiche dei lavori della sezione transfrontaliera della Torino-Lione. Al seminario hanno preso parte per TELT il direttore generale Mario Virano e il direttore generale aggiunto Maurizio Bufalini; per l’Osservatorio tecnico il Presidente Paolo Foietta.
I cantieri per i lavori preliminari prenderanno il via nel secondo semestre 2017; nel 2018 quelli principali. Di tutti gli scavi, 160 km (57,5 per ogni canna del tunnel, oltre ai by-pass di collegamento) è già stato realizzato il 10% e aggiudicato il 20%. La Torino-Lione è quindi in corso di realizzazione avanzata, mentre dal punto di vista procedurale necessita un ultimo passaggio: la ratifica parlamentare, entro il 2016, dell’accordo assunto nel 2015 per l’avvio dei lavori definitivi.
Il valore complessivo dell’opera ammonta a 8,6 miliardi di cui 6,1 per opere civili e 1,6 per opere tecnologiche. La realizzazione è suddivisa in 12 lotti, ciascuno dei quali genera un maxi contratto (tra 150 M€ e 1 Miliardo) e vari contratti minori (sotto i 70 M€). Per la  tratta italiana i lavori dovrebbero essere suddivisi in circa 52 contratti di cui 16 al di sopra della soglia comunitaria (pari a circa 5 milioni di euro) e  36 di importo inferiore. Per le opere da realizzare entro il 2019, del valore di 1,9 miliardi di euro, in base al Grant Agreement sottoscritto a dicembre Italia e Francia beneficiano di un contributo europeo del 41,08%, pari a 813,8 milioni di euro.
Data l’entità dei lavori, la stazione appaltante valuta positivamente la partecipazione delle piccole e medie imprese italiane e francesi sotto forma di aggregazioni d’impresa, anche transfrontaliere. Le ricadute occupazionali a regime nel periodo 2019 – 2029 saranno di circa tremila addetti diretti, nei cantieri, e di oltre seimila indiretti per lavori di fornitura e servizi. Tra Italia e Francia l’op